Gioco d'azzardo e salute: i risultati di un sondaggio inglese

Un sondaggio compiuto su un campione di 2.000 giocatori britannici ha evidenziato come i gamblers non sono meno sani rispetto al resto della popolazione, con un indice medio di massa corporea (BMI) di 27, uguale alla media nazionale del Regno Unito. Tuttavia, l’indagine ha rilevato come BMI, salute e stile di vita come il fumo, l’esercizio fisico e la passione per gli alcolici variano notevolmente a seconda dei giochi preferiti.

image

Gambling e lifestyle

L’indagine condotta da Jackpot.co.uk ha rilevato che i giocatori di slot machine sono i meno sani in assoluto. Detestano l’esercizio fisico e con un BMI medio di 31, sono quasi al limite con la categoria degli obesi, caratterizzata dalla ridotta aspettativa di vita e da una maggiore probabilità di sviluppare malattie come il diabete di tipo 2.

Sam Marsden, direttore di Jackpot.co.uk, ha recentemente dichiarato: “C’è un legame innegabile tra giochi passivi come slot machine e video poker e uno stile di vita sedentario e poco salutare. D'altra parte, i giochi che richiedono concentrazione, strategia e molta resistenza fisica come il poker e blackjack sembrano avere degli effetti positivi sullo stato di salute, purché non si esageri”.

I giocatori abitudinari di roulette, blackjack, video poker e craps non sono molto distanti dagli amanti delle slot machine, ciascuno con livelli di BMI superiore alla media nazionale.

Tuttavia, i players di giochi da tavolo come poker, baccarat e pai gow, hanno un BMI medio minore-uguale di 25 - ben all’interno del range di normalità raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità. Nonostante i giocatori di poker siano abituati a sorseggiare diversi cocktail durante le sfide, allo stesso modo sono consapevoli dell’importanza dell’esercizio fisico, con il 58 per cento che si dedica all’attività fisica per almeno 30 minuti, cinque volte a settimana. Mentre per i giocatori di slot è solo del 27 %, un ulteriore dato che conferma la staticità di questa particolare categoria.

Gambling e drink

Gli amanti delle ‘macchinette’ bevono di più rispetto ai pokeristi, con il 24,1% che oltrepassa il limite settimanale raccomandato. Rispetto a questo parametro, i giocatori di poker non sono molto indietro, con il 23%. In vetta alla particolare classifica per sesso troviamo le giocatrici di slot, seguite da vicino dai giocatori di poker di sesso maschile.

Gambling e fumo

I giocatori di slot sono anche i più incalliti fumatori, con il 24% di fumatori regolari, contro una media nazionale del Regno Unito del 20 per cento. Nel blackjack e nelle roulette si fuma un pizzico in più della della media, rispettivamente il 21% e 22%, mentre i giocatori di poker fumano meno della media, il 19,5%.

Il professor Anthony Barnett, dell’Università di Birmingham e Heart of England NHS Foundation Trust, ha commentato: “Il driver principale per l’epidemia mondiale del diabete di tipo 2 è la condizione di sovrappeso associato con uno stile di vita sedentario. Nel Regno Unito, i tassi di obesità sono quadruplicati in una sola generazione. Qualsiasi cambiamento nel comportamento che favorisce l’attività fisica e porta ad una riduzione del BMI deve essere accolto positivamente”.

Gambling e tecnologia

La piattaforma più comune utilizzata dal campione analizzato per praticare il gambling è il computer desktop (65%), con poco più del 20% che usa smartphone e tablet, mentre solo il 14% frequenta casinò reali. L’uso del desktop è legato a livelli più elevati di obesità, alcol e fumo, e gli esperti ritengono come il crescente utilizzo di dispositivi mobili potrebbe migliorare i livelli di salute del giocatore medio.