Intergame: l'annuario del gambling mondiale 2018

“Directory 2018”: è questo il titolo dell’annuario del gaming mondiale 2018 stilato dalla rivista britannica Intergame. Secondo quanto riporta il documento, nel mondo si contano, in varie forme, oltre 5 milioni di apparecchi da intrattenimento. Il dato si basa su una stima approssimativa, ragion per cui l’interrogativo che ci si pone, è come sia stato possibile arrivare a questa cifra in mancanza di statistiche ufficiali. Intergame riporta che nonostante si tratti di una stima piuttosto “grezza”, esistono basi certe secondo le quali è possibile stimare che il Nord America abbia ben oltre un milione di apparecchi, la Cina qualcosa di simile, l'Europa ne abbia di più se includiamo le Awp, mentre il Giappone ne ha un numero inferiore. Il resto provengono da ogni altra parte del mondo.

Universo AWP

Gli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, le cosiddette Awp, con premi e puntate che variano a seconda dei paesi, premiano i giocatori con vincite che oltrepassano il concetto di “puro” divertimento.

Probabilmente è questo il motivo per cui tanti paesi hanno abbandonato la definizione Awp come terminologia, anche se l'industria continua a ricorrere a tale espressione per riferirsi in generale a qualsiasi cosa con puntate limitate e premi. Così la stessa definizione viene estesa a un'altra sottocategoria, rappresentata dalle videolottery (circa 54mila apparecchi distribuiti nel territorio italiano), molto simili alle Awp, anche se il loro funzionamento è online, o “da remoto”.

In questo segmento rientrano macchine di varia tipologia, che si differenziano tra i vari paesi: nel Regno Unito, sono conosciute come Fobt e si trovano solo nei betting shop. In altre parole, si confondono le linee tra ciò che è divertimento e ciò che è gioco d'azzardo, certamente tra Awp e slot machine da casinò, che è forse il motivo per cui il più grande evento dell'industria del gioco, Ice Totally Gaming che si svolge a Londra a febbraio, è ora la destinazione scelta per gli specialisti nella produzione di Awp.

Uno sguardo al passato ed al futuro. Cosa ha in serbo il 2018 per l'industria internazionale del gaming?

La rivista InterGame, già da diverso tempo, prevedeva che nel mercato tedesco si sarebbe verificato il caos, profezia che si è avverata. Per quanto riguarda l’Italia ipotizzava che, nonostante la leadership numerica, il mercato sarebbe rimasto eccessivamente tassato, confuso dalla burocrazia che frena l'evoluzione tecnologica. Facendo riferimento a Regno Unito e Spagna, i mercati vivranno una situazione di stabilità. Intanto Paesi Bassi e Belgio si preparano a varare nuove leggi per razionalizzare i loro mercati, nonostante la politica non si sia ancora espressa in maniera definitiva. L’Europa dell'Est, dove molte delle Vlt sono gestite come semplici Awp, ma con tutte le implicazioni delle slot machine, è una regione dominata dai casinò e, quindi, da un altro tipo di slot, che ancora una volta si colloca tra il settore del divertimento e il territorio del gioco “duro”, anche se in molti potrebbero giustamente collocarle all'interno dei ranghi di quest'ultimo.

Una situazione simile si riscontra in altre parti del mondo. Laddove non esiste un business Awp legittimo, le macchine a pagamento sono molto simili al tipo di slot “da casinò” e questo è il caso in cui il mercato di strada e i casinò terrestri hanno una demarcazione meno definita. Il "mercato di strada" diventa effettivamente sala giochi sotto forma di casinò ma senza piattaforme live.

Situazione simile in Sud America: qui le macchine da gioco d'azzardo non hanno un divieto totale e le sale slot prosperano. È ad esempio il caso della Colombia. Laddove esiste una barriera legale, prosperano i luoghi di divertimento sotto forma di Fec (Family Entertainment Center) e in questo il Brasile è un buon esempio. Naturalmente tutto ciò dipende dalla determinazione della polizia locale di fermare il gioco d'azzardo illegale.

Intanto, cosa accadrà in Polonia ed in Grecia? Riusciranno a riaprire nel 2018? E poi, quale sarà la crescita costante delle Awp in Sud Africa, unico paese al di fuori dell'Europa a preferire macchine a basse puntate e premi, salvo che si chiamano Lpm? Il lancio delle suddette è stato sottoposto ad un’attenta analisi da parte delle autorità, che hanno cercato di guardare attentamente alle esperienze storiche dei mercati europei con questo tipo di dispositivo.

E ancora. Il Brasile, dopo vari tira e molla, riuscirà ad aprire definitivamente nel corso di quest’anno? L'arrivo dei super resort casinò in Giappone porterà ad aperture nel mercato di strada? La Cina riuscirà a capitalizzare la sua esperienza con Macao e allenterà le leggi sulla terraferma?

Paesi europei nel caos

Perché l'Italia è considerata come il paese che possiede il più grande mercato Awp in Europa, ma tutti sono d'accordo nel constatare che è un "casino"? Il nostro paese ha alle sue spalle una storia di istituzione di leggi sul gioco prima che siano state pensate correttamente. Secondo la legge italiana, ad esempio, il gioco d'azzardo deve essere governato centralmente dallo Stato. Tuttavia, nel corso degli anni, alcune delle 21 regioni italiane hanno interferito, cercando di controllare il gioco nei propri territori e citando la costituzione secondo la quale è previsto un certo grado di autonomia nelle regioni.

L'interferenza locale, quindi, confonde le acque e c'è un caso discutibile sul fatto che le interferenze regionali siano effettivamente illegali, ma nessuno l'ha ancora testato. Il governo italiano si è quindi progressivamente indebolito sul gioco d'azzardo e ha ceduto alcuni livelli di controllo alle regioni, sebbene la regolamentazione sia una chiara prerogativa dello Stato. Ora il paese è impegnato a ridurre di un terzo il numero di Awp installate entro aprile 2018”, si legge nel documento.

Caos anche in Germania. Il trattato interstatale da parte dei 16 Länder semi-autonomi, o Stati, dovrebbe diventare pienamente operativo nel corso di quest’anno, dopo essere progredito verso un completamento per fasi. Dal punto di vista tecnico richiede la riduzione delle macchine AWP di circa un terzo eliminando il sistema di licenze di concessioni multiple. “Ciò significa che, sebbene ogni sala possa avere solo 10 macchine, un operatore non può utilizzare fino a una dozzina di licenze in un edificio, separando ogni 'sala' da un muro parziale. Le 10mila sale in Germania sarebbero dimezzate, specialmente perché ogni singola sala dovrebbe essere a 500 metri dalla successiva. Ma queste cose non sono mai chiare e definitive”.

Alcuni stati non si dimostrano però così determinati a tagliare l'industria come gli altri, perciò le regole non vengono applicate con vigore. In diverse aree l'intero esercizio è stato bloccato da azioni legali e gli operatori contestano il trattato nei tribunali, davanti alla Corte costituzionale tedesca e alla Corte di giustizia europea. La saga tedesca è destinata ad andare avanti ed è molto probabile che non si arriverà ad una conclusione reale nel 2018.

Un'altra situazione incerta è quella dei Paesi Bassi che presenta 276 sale e un mercato complessivo di circa 35mila Awp. “Una nuova legge è in arrivo, ci viene detto, probabilmente proprio nel 2018, ma l'essenza, afferma l'industria, è di impedire che venga imposta all'impresa la stagnazione dalla tassazione: il 29 percento della cassa, più il 25 percento dei profitti degli operatori di imposta sulle società e il 21 percento di Iva sulla macchina stessa, più le tasse di licenza. E tutto ciò è senza la punizione che probabilmente arriverà con la legalizzazione del gioco d'azzardo online”.

In Belgio, con le sue 180 sale e giochi di bingo nei bar e una crescente influenza dai terminali di scommesse sportive, l’industria avanza richieste per un aggiornamento delle leggi sul gioco, “probabilmente un segnale che sta guardando oltre le sue spalle all'avanzamento del gioco online”.

Riferendosi alla Francia viene riportata l’affermazione recente di un fornitore: "Se la Francia aprisse alle Awp, tutte le fabbriche attualmente impegnate nel business non sarebbero in grado di fornirle per due anni".