L'arte e la tecnologia nelle moderne slot machine sensoriali

Viaggio nel mondo dell'interazione tra arte e tecnologia nelle moderne slot machine. Alcuni dei più grandi talenti del settore ci spiegano alcuni dei segreti che si celano dietro la produzione e l'ideazione di una slot machine moderna.

"Ellen DeGeneres vuole che io vinca. E alla grande! Mi applaude dall’interno della sua slot machine ospitata nello spazio dedicato del Sands di Las Vegas. Più esulta, più ho voglia di continuare a giocare. Quando la fortuna gira a mio favore, lei balla attraverso il display touch screen verticale da 42 pollici, facendo scintille. "Non vedo l’ora che arrivi il momento del bonus", dice l’avatar di Ellen. "Mi sento così viva".

Anch'io mi sento vivo qui al Global Gaming Expo”, racconta David Bollesen, direttore di studio per la società di gioco International Technology. “Un insieme di effetti interattivi e attraenti appaiono nel moltiplicatore della slot machine. C'è anche la sigla di The Ellen DeGeneres Show e la classica clip dalla TV. È insieme videogioco / talk show / game show / slot, un qualcosa che non ho mai visto prima”, commenta Bollesen.

Le vecchie bobine meccaniche delle slot machine sono ancora popolari nei casinò e nelle sale da gioco. Ma questi modelli rappresentano il futuro. Sono multisensoriali, ad alto intrattenimento e si fondano su una tecnologia avanzata. In alcune di quest slot dominano personaggi dei cartoni animati che camminano per le strade, danzano, volano, rotolano ad alta velocità su delle piste tortuose e uccidono draghi.

Alcuni dei principali produttori di slot hanno portato la cultura pop ai piani alti dei casinò con titoli come Duck Dynasty, Sons of Anarchy e Mad Men machines.

Le videoslot con touch screen HD offrono ai giocatori una esperienza di gioco a 360°, attraverso il completamento di missioni e l'utilizzo di joystick durante le fasi bonus rounds. Tutto questo richiede l’interazione tra artisti, designer, animatori e professionisti della tecnologia in un modo differente, che non ha precedenti nella storia dell'industria del gioco. Alcuni provengono dal mondo dei videogiochi, altri della tecnologia, altri dallo spettacolo.

"Attualmente ideare un gioco per questa industria, è come realizzare un’opera d’arte", afferma Bollesen, che ha lavorato alla produzione di videogiochi prima di entrare in IGT, la società che ha ideato la Ellen slot. “La creatività è fondamentale".

L'analisi degli specialisti di Bally Technologies

Per la società rivale, la Bally Technologies, è valido lo stesso discorso. I suoi studios occupano il cuore della sede centrale della società, che si trova fuori della Sunset Road di Las Vegas. Ciascuno dei venti studi di produzione comprende registi per lo sviluppo, matematici, designer, artisti, tecnici e ingegneri di videgioco. Tutti lavorano sulle macchine fin dal loro ‘concepimento’.

"Ci consideriamo dei competitors del mondo dei videogame per il nostro talento", dice Mike Trask, portavoce di Bally.

Le slot machine spesso si rivolgono al pubblico attraverso l’utilizzo di storie che fanno parte della cultura popolare. Giochi come Wonder Woman con le caratteristiche attinte dai fumetti, clip televisive, colonne sonore e le lunghe gambe di Lynda Carter nel suo mantello stellato, bustino rosso e stivali sexy fino al ginocchio (simbolo degli anni '70 dell’empowerment femminile), hanno risvegliato l'immaginazione di giovani ragazze e ragazzi in tutto il paese americano.

I giocatori tendono a spendere per via di questa attrazione nostalgica, a prescindere dalle probabilità di vittoria.

Merkur Gaming ha progettato una cabina di gioco, una specie di bolla chiusa che sembra creata dai produttori di Star Trek. Questa tipologia di gioco offre la prova vivente della famigerata zona, fase psicologica in cui i giocatori si immergono in una sessione duratura alle slot machine.

Quello che ci manca sono le slot machine ologramma (ovviamente scherziamo, l’ologramma di gioco già esiste) e la possibilità di intrattenerci mentre dormiamo, giocando le nostre sequenze oniriche.

"Chiunque può creare un grande gioco relazionato ad una slot. Il nostro team cerca costantemente di sviluppare nuove idee", dice Kimberly Cohn, direttore di Bally, il cui team (come gli altri) si occupa di tutta la fase di ideazione e sviluppo.

Cohn laureata in arte presso la California State University di Northridge, ha lavorato come direttore tecnico per la Disney, facendo principalmente film per la televisione prima di passare a Las Vegas nel 2002 per seguire il marito. La cosa che più si avvicinava ad un lavoro digitale e all'animazione erano proprio le slot, così lei si lanciò subito in questa nuova attività, anche se nel primo decennio del nuovo millennio l’industria era ancora molto primitiva. "Ora, nelle videoslot, i capelli sono fluenti, le foglie cadono, la nebbia è in movimento e il romanticismo è in erba. Sono necessari degli artisti per rendere il tutto reale", ha affermato la Cohn.

"Ci si aspetta molto da questo ricco ambiente visivo", spiega Helga Watkins, coordinatrice per la progettazione grafica e dei media a UNLV, che si è laureata in gaming design. "E per gli artisti tutto ciò è coinvolgente".

"Una volta era l’illustratore a ideare la grafica, ma la tecnica di un artista potrebbe tradurla in un’ opera d'arte del computer", spiega Watkins. "Ora la stessa persona potrebbe occuparsi della struttura, del logo, dell'animazione, della grafica 3D e pensare ad un gioco a tema, partendo da un concetto. Possono creare idee e inventare titoli. La maggior parte degli artisti nel gaming sono coinvolti in tutto il processo creativo" .

Paul Dixon, media tech artist di Bally, originariamente ha lavorato nel mondo dello spettacolo, si è occupato della creazione di cartoni animati per Cartoon Network e Pixar, ma poi ha scelto la carriera dei videogiochi. "Esistono un sacco di opportunità per realizzare diverse opere d'arte unite alla possibilità di farle in 3D", sostiene Dixon.

La sua collega Samantha Robbins, grafica e illustratrice presso Bally, pensa la stessa cosa. Si occupava dei tradizionali film di animazione 2D - vecchia scuola in stile Disney - e ora afferma che lavorare nel gaming le ha permesso di ampliare e sviluppare la sua creatività.

"Ci si aspetta sempre di crescere", dice Robbins. "Si può sempre provare qualcosa di nuovo. Penso che tutto ciò impedisce di annoiarsi”.

A differenza del mondo dello spettacolo, che è più individuale e in cui le persone hanno "una specialità all'interno di una specialità", dice Cohn, i progettisti di videoslot amano lavorare in equipe avvalendosi di una vasta gamma di competenze.

Da Bally, i dipendenti passano anche molto tempo nella sala giochi della società, testando le macchine prima di finalizzarle. Tra queste rientrano titoli come Wonder Woman, Betty Boop e Duck Dynasty, oltre ad alcuni titoli originali della società, che includono la serie Cash Wizard. Le tre versioni del gioco introducono costantemente nuovi personaggi e nuove impostazioni. La seconda versione ha visto l’introduzione della moglie di Cash Wizard, Mrs. Magic. La terza versione introduce i loro figli.

Il team di sviluppo punta a raggiungere i giocatori più giovani con una tecnologia sofisticata, una grafica accattivante e skill-based games, ma Trask di Bally ha confermato che "il giocatore medio di slot ha più di 45 anni ed è di sesso femminile, attratto da elementi infantili come simpatici gatti, personaggi dei cartoni animati e unicorni scintillanti".

La multiple-line pay, la velocità e l'animazione hanno rappresentato uno stimolo in più per i giocatori. "L'esperienza di gioco si è evoluta al passo con l'innovazione tecnologica", scrive Natasha Dow Schüll nel suo libro Addiction by Design: Machine Gambling in Las Vegas. "Una volta la dinamica era relativamente semplice e i giocatori scommettevano un importo sul risultato di una sola payline, oggi le slot machine offrono diverse opzioni di gioco e di scommesse, oltre a degli effetti avveniristici, apparentemente senza fine".

Il professore del MIT, che ha speso 15 anni nella ricerca sulle macchina di gioco, ci ricorda che stiamo ancora parlando di slot e che il rischio finanziario può essere devastante per i giocatori con problemi.

Nel raccontare il ruolo che ha avuto lo spostamento delle slot machine nei casinò - che hanno superato i giochi da tavolo in fatturato, cambiato il design dei casinò e le preferenze del giocatore d'azzardo - Schüll spiega la facilità con i giocatori scommettono oggigiorno sulle videoslot.

Solo in Nevada ci sono 176,073 slot machine (in sedi con licenza ristretta e non ristretta), dice Mike Lawton, senior research analyst per il Nevada Gaming Control Board.

Nei 32,255 piedi quadrati di spazio dedicato al gioco nello stato, le slot occupano 25.818 piedi quadrati. Lawton afferma inoltre che una macchina può ora contenere 50 o 60 giochi. All'interno di questi giochi potremmo imbatterci nella famigerata “saucy vixens”( la seduttrice dal busto rosso, stivali alti fino alle cosce e con la coda che crea palle di fuoco durante il gioco di Red Hot Devil), in storie di personaggi epici del passato o in corse d’auto. Ognuno di questi elementi rappresenta il tentativo di catturare l'attenzione di coloro che visitano i casinò .

Ma l'industria del gioco non è del tutto diversa dagli altri prodotti “must” delle industrie che creano dipendenza, come cibo spazzatura, tabacco e alcool, solo per citarne alcuni. Qui, il richiamo è l’intrattenimento e il suggerimento che una grande vittoria è all'orizzonte.

"Giochiamo con un sacco di slot machine", dice Cohn. "Non solo qui. Usciamo e giochiamo anche con quelle della concorrenza. Testiamo i fattori che mantengono un giocatore in gioco".

Tralasciando lo stile think tanks, che potrebbe essere il laccio di Wonder Woman, il cast di Friends o Ellen che balla dentro lo schermo di una slot incitando al bonus round, le opportunità sono infinite.

Utilizzando tecniche autostereoscopiche, nella slot machine Sphinx in 3D di GTECH, il giocatore si muove in modo efficace attraverso corridoi, camere e paesaggi ostili, inoltre attraverso comandi vocali è possibile controllare i movimenti reali del player.

Questo non significa che le classiche slot machine da bar svaniranno. Bollesen a IGT dice che ci sarà sempre un posto per le macchine tradizionali ai piano dei casinò.