Le slot machine del futuro "somiglieranno al mio maledetto telefono"

Le slot machine continueranno ad essere le favorite nelle sale da gioco? Difficile dare una risposta nel pieno di una rivoluzione tecnologica che sta attraversando anche il mondo del gambling. Le opinioni provenienti da alcuni dei CEO più influenti dell'industria statunitense sono molto diverse tra di loro. L'unico punto in comune riguarda la modernizzazione che i produttori di slot machine dovranno intraprendere per attirare l'interesse della nuova generazione digitale.

Nello Stato del Nevada sono legali già dal lontano 1931, ma le slot machine esistevano già molto prima. Il primo modello originale, la “Liberty Bell”, è stata introdotta nel 1899, inventata da Charles Fey, un meccanico di auto di San Francisco. Presentava tre bobine con i simboli del diamante, di una spada, e di un cuore, oltre all’icona della “Liberty Bell”. Il fortunato giocatore che riusciva ad ottenere i simboli delle tre campane su una singola fila, avrebbe potuto vincere fino a 15 dollari, un vero e proprio jackpot per quei tempi. Nonostante esistano da più di un secolo, le slot machine non sono mai veramente passate di moda. A l’MGM Grand di Las Vegas, ce ne sono migliaia, disposte in sale da gioco che hanno le dimensioni di un campo di calcio.

Non è un caso l'importanza che gli operatori di casinò danno alle slot, che attualmente rappresentano circa i tre quarti delle entrate delle case da gioco, secondo uno studio compiuto dall’Università dell’Oregon. Secondo questa ricerca, i profitti legati alle slot, negli anni '70, hanno rappresentato circa il 40% del fatturato totale del gioco. Oggigiorno, una percentuale compresa tra il 70 e il 90% dei giocatori americani, dichiara che preferisce queste macchinette elettroniche ai giochi da tavolo.

Per gli operatori di casinò, "il vero jackpot è rappresentato e viene generato nelle sale con le slot". Tuttavia è possibile che questa situazione possa in qualche modo cambiare nel prossimo futuro. Le rapide evoluzioni tecnologiche, potrebbero richiedere al contempo una rivoluzione delle stesse slot: una rivoluzione alla quale l'industria del gioco non può presentarsi impreparata. L'accessibilità, l’interattività e la possibilità di poter fare tutto da un PC o attraverso i dispositivi mobile, potrebbero far apparire le slot come un gioco obsoleto e appartenente al passato.

Una relazione prodotta dall'American Gaming Association (AGA), ha evidenziato che i giovani dai 21 ai 35 anni sono i maggiori frequentatori di casinò; quasi due su cinque, il 39%, si reca a visitare un casinò in occasioni particolari, e la metà di questi gioca alle slot o ai video poker. Oltre a visitare i casinò, i giovani adulti sono più propensi a tornare rispetto ad altri target. Nove su 10 hanno affermato che prevedono di tornare in un casinò nei prossimi 12 mesi.

Le statistiche sono incoraggianti, ma questo non vuol dire che questi “clienti giovani” invecchieranno come i giocatori di slot tradizionali. Frank Neborsky, un veterano nel settore dell’industria del gioco ed ex vice presidente delle operazioni di slot del Mohegan Sun, ha affermato che "il numero di giocatori di slot da 45 a 60 anni si mantiene stabile, e non viene rimpiazzato”. Il motivo principale potrebbe essere rappresentato dal rapido ritmo dei progressi tecnologici.

"La tecnologia è diversa", dice Neborsky. "Il suo livello di intrattenimento è diverso. Esistono così tanti giochi d’azione e altrettanti basati sulle abilità; con Xbox 360, una persona potrebbe stare seduta a casa ore ed ore a giocare una partita contro altre persone a 2.000 miglia di distanza, con tre diversi fusi orari. Questo è il tipo di intrattenimento cui le persone dai 20 fino a quasi 40 anni di età, si sono dedicate negli ultimi dieci anni. Non so se una semplice slot con rulli o videoslot, o anche i giochi da tavolo, potranno creare lo stesso tipo di soddisfazione sensoriale o di intrattenimento che questi giocatori andranno a cercare negli anni a venire”, ha affermato.

"Mentre alcuni produttori si sono adattati e hanno cercato di conformarsi con questa nuova ondata di giocatori tecnologici, altri giochi, sono rimasti gli stessi", ha aggiunto Neborsky. "Oltre a cercare di approfittare di Internet o di altre componenti online, non vedo molti cambiamenti nel modo in cui si presentano i giochi o nell’esperienza che offriranno", prosegue. "Non si è verificato un autentico sviluppo in grado di rivoluzionare il modo di giocare. Francamente, non vedo nessuno dedito a giocare a Call of Duty o World of Warcraft o andare in un casinò e sedersi di fronte a una slot".

Un altro fattore critico è l'aspetto sociale che caratterizza i clienti più giovani. Per esempio, i giochi da tavolo sono diventati un'opzione di intrattenimento divertente per questa fascia di età, "perché alla metà delle persone sedute nello stesso tavolo a giocare a blackjack, piace la parte sociale del gioco", dice Neborsky. “La stessa cosa non si ottiene dalle slots”.

Andrew Klebanow, co-fondatore di Global Market Advisors, è d'accordo sul fatto che i giochi dovranno essere modificati per stare al passo con la tecnologia e soddisfare le crescenti aspettative dei clienti. Ma non è d’accordo sul fatto che le slot machine tradizionali andranno scomparendo dal mercato.

Tutto il mondo conosce lo stereotipo del giocatore di slot: una donna di mezza età, seduta per ore alla sua macchina preferita, "Lucky 7" o "Major Moolah", con un cocktail in mano, a guardare i rulli che girano sulla filatura e le luci lampeggianti, fino a che non arriva alla fine del bankroll. "Non si tratta di uno stereotipo”, ha affermato Klebanow. "E’ un dato di fatto. Esistono due fattori necessari per essere considerati degli appassionati di slot: tempo e soldi. Prima dei 45 anni di età, una persona sta crescendo la sua famiglia, sta comprando una casa, sta lavorando sodo, cercando di pagare le bollette. Nel momento in cui si raggiungono i 45 anni si diventa più grandi, i figli sono cresciuti, e non si deve lavorare più tanto come prima, si ha a disposizione più tempo e più denaro, ed in questo momento il gioco diventa un forma di ricreazione cui è possibile partecipare con un certo grado di regolarità. Questo ciclo non si fermerà, a meno che le persone smettano di procreare”.

Ciò significa che il giocatore esperto di tecnologia diventerà il vecchio cavaliere fedele delle slot machine? "Assolutamente sì” ha affermato Klebanow. “I casinò stanno trovando modi per fornire giochi che si rivolgano a questa fascia d’età, quando arriveranno alla soglia dei 45 anni avranno più tempo e denaro per giocare".

Klebanow sostiene che le slot si sono sempre evolute con i tempi. Le vecchie slot sono diventate elettroniche negli anni '60, si sono trasformate in video slot negli anni '70, e si sono ulteriormente convertite in macchine computerizzate negli anni '90. Queste macchinette hanno fatto spazio alle slot progressive verso la metà del 1980. E nel 1990 sono arrivate le slot arcade, qualcosa "che ha veramente cambiato la natura dei giochi che abbiamo oggi". Poi è stata la volta dei giri bonus e giochi a tema come "Ghostbusters", la "Ruota della Fortuna", "Sex & the City”, che alcuni ritengono ancora tra i giochi più popolari di tutti i tempi. La prossima grande innovazione potrebbe essere qualcosa di completamente diverso, e può essere in fase di sviluppo già in questo momento.

Una cosa su cui i casinò possono contare, ha detto Klebanow, è che le preferenze di intrattenimento non cambiano nel corso della vita. "Quando ero giovane, facevo il barista in un locale notturno", ha detto. "Oggi, non posso entrare in questi posti. Non capisco. Non riesco a spiegarmi perché qualcuno spenderebbe 1.000 dollari per una bottiglia di Grey Goose, ma a quanto pare questo è attraente per un pubblico più giovane. E abbiamo decine di aerei che vanno a Las Vegas ogni pomeriggio e sera piena di giovani adulti che vogliono spendere i propri risparmi in una discoteca. Un giorno, dopo i loro bagordi, metterannò i piedi a terra. Questo target di persone sarà sempre propenso a spendere il proprio reddito in diversi tipi di intrattenimento, tra cui le slot machine, se i giochi sono sviluppati per soddisfare le loro richieste".

Matt Davey, CEO del NYX Gaming Group, ha detto che il metodo di consegna dei prodotti di gioco, può essere ancora più importante rispetto ai prodotti stessi. "E’ importante non confondersi con i giochi digitali per Xbox o Playstation, e ammettere che questo tipo di tecnologia sarà la via futura dei casinò”, ha detto. Molte persone si rivolgono a Nix affermando: "Abbiamo giochi fantastici, come quelli di Nintendo, e possiamo avanzare molto con la qualità di giochi, per attirare un pubblico più giovane'. "Questo è un errore, perchè alcuni dei migliori giochi online utilizzati sono alcuni dei più tradizionali", ha dichiarato Davey.

Dal punto di vista di Davey, a capo di una società che offre centinaia di giochi di slot per cellulari, per casinò terrestri e canali social, il modo in cui i consumatori giocano ora potrebbe definire ciò in cui giocheranno in un prossimo futuro.

"Tutti i tipi di intrattenimento, radio, musica, televisione, ecc, tutti si stanno muovendo verso il consumo digitale e basato su Internet. E’ lo stesso tipo di giochi, 'giocati' in un modo diverso. Alla gente piace perché può intrattenersi nell’immediato senza dover andare da nessuna parte. Questo attrae il pubblico più giovane, ma anche i giocatori di casinò".

Secondo Davey, i dati demografici raggruppati per età non possono che essere fuorvianti. "Da un lato, i clienti dei casinò sono solo anziani anti-tecnologia. Ma preferiamo parlare non solo di demografia, ma anche di ciò che piace alla gente. Ad esempio, le scommesse sportive, il poker e il blackjack sono più popolari tra i giovani rispetto alle slot machine, al bingo, alla lotteria o ai gratta e vinci. "Questo gruppo di persone sarà più giovane nell'online e più giovane nei casinò", ha detto Davey. "E quando si tratta del bingo, per esempio, si può vedere come la fascia d’età online è uguale a quella riferita ai giochi terrestri". Pertanto l'interattività e l'accessibilità, interessano non solo i giovani giocatori, ma anche i gruppi di età più avanzata.

Paul Tjoumakaris, vice presidente per Seneca Gaming Corp, ha previsto che le sale slot del futuro saranno molto diverse dalle stanze gigantesche che sono tipiche della maggior parte dei casinò di oggi. "Nei prossimi 10-15 anni, mano a mano che sempre più persone entreranno a contatto con la telefonia mobile, le slot nei casinò terrestri non saranno più così numerose come lo sono oggi e l’ambiente sarà progettato per ospitare sale più piccole”. "Non ci saranno più questi grandi spazi aperti", dice Tjoumakaris,"e i giochi esistenti verranno sostituiti lentamente e poi eliminati". Forse, in modo significativo “i giocatori cercano sempre più giochi di abilità. Anche ora, stiamo guardando verso questo nuovo orizzonte. Dobbiamo attirare le giovani generazioni, che non sono semplicemente interessate a premere un pulsante”.

"Anche se le slot machine avranno sempre un gruppo di fan fedelissimi, se non altro per motivi di nostalgia, come fornitori e operatori dobbiamo mantenere la fedeltà del nuovo gruppo giovani con l'aggiunta di un gameplay basato sull'abilità del giocatore, maggiore interazione, e un po’ di divertimento in più", ha detto Tjoumakaris. "Dobbiamo adattarci. Anche i fornitori hanno intenzione di modificare il vecchio prodotto. Stanno lentamente cercando di renderlo più economico e più interattivo. I costi di sviluppo costringeranno specificamente a cogliere le opportunità di crescita", ha concluso.

Eric Meyerhofer, CEO di Gaming Gamblit, concorda sul fatto che "una slot classica non può offrire molte emozioni la stessa che si aspettano i clienti cresciuti con l'alta fedeltà e la tecnologia multifunzionale estremamente veloce. Ma non è ancora il momento di pensare a un cambiamento radicale".

"Dal punto di vista di un operatore non sarebbe prudente cambiare completamente il piano attuale e progettare tipologie di gioco rivoluzionarie, perché potrebbero mettere in difficoltà un mercato solido e maturo", ha detto Meyerhofer. "Io non credo che la soluzione giusta sia quella di trasformare la slot machine in un qualsiasi tipo di prodotto 'Tweener', perché potrebbe portare alla perdita del giocatore interessato alla classica slot machine", ha dichiarato il CEO di Gaming Gamblit. Meyerhofer prevede un "processo di migrazione", in cui i casinò aggiungeranno nuove opzioni di gioco progettate per catturare l'interesse e la fedeltà del giocatore emergente.

"Stiamo parlando con gli operatori per iniziare a modificare una parte dello sviluppo classico, per creare qualcosa simile all'esperienza di un piccolo club e che possa suscitare l'interesse di qualsiasi target. Questa potrebbe essere una sala giochi dove i giocatori possono stare insieme e condividere l'esperienza di gioco, invece di sedersi da soli ad una macchina", ha proseguito Meyerhofer.

Secondo il recente rapporto della AGA, i visitatori adulti giovani sono "più propensi a usufruire di servizi no gambling, come lo shopping, l’intrattenimento dal vivo e strutture ricreative come piscine o centri benessere". In parte questo accade perché probabilmente non sono affascinati o attratti dalle opzioni della sala giochi. Entrano in gioco tanti tipi di fattori, sentimenti personali, come tutto ciò che avviene in un bar o nelle discoteche, dove gruppi di persone si riuniscono e spendono centinaia di dollari per una bottiglia di vodka o rum. Lo stesso tipo di dinamica, potrebbe riprodursi nelle sale giochi.

Meyerhofer è d'accordo. "Quando è ancora troppo presto per andare in discoteca o al bar, si siedono nelle loro stanze, guardano la televisione e hanno i loro dispositivi. Non vi sono posti nel casino per catturare la loro attenzione, pertanto è necessario creare un'area ad hoc, per 'catturarli durante i tempi di inattività".

"Gli operatori di casinò e i produttori di giochi non sono sorpresi della rivoluzione tecnologica in atto, ma sono sorpresi per la velocità con cui si sta verificando", ha detto Meyerhofer. "L'evoluzione dei dispositivi smartphone è molto più veloce di quanto avrei pensato sei, otto o 10 anni fa". "Avevavo predetto che ci sarebbe voluto un po' di tempo per le vecchie generazioni abituarsi agli smartphone, ma il mobile è esploso anche tra i più anziani", ha affermato. "Negli aeroporti, negli autobus, dove le persone vogliono uccidere il tempo...tutte stanno con i loro dispositivi in mano e si tratta di persone di tutte le fasce d'età".

"Inoltre, l'età media dei giocatori di videogiochi e altri giochi di intrattenimento, su iPhone e altri dispositivi mobile, è ora di 30 e 40 anni. Ad esempio, secondo un rapporto di Flurry Analytics, gli utenti di smartphone qualificati come 'dipendenti dal telefono' o 'superuser' - è il segmento in più rapida crescita, con 123% tra il 2013 e il 2014 e i più 'tossicodipendenti' sono adolescenti, studenti universitari e genitori di mezza età, con più donne che uomini nella categoria.

"Se prendiamo in considerazione gli utenti tra i 25 e i 55 anni di età, l'uso primario di questi dispositivi è destinato al gioco”, ha detto Meyerhofer. "Questo supera l'utilizzo di Internet in generale, i social network e via dicendo.. Queste persone non saranno in grado di trovare il prodotto che desiderano nelle sale da gioco, alle quali non ricorrono così tanto come succedeva una volta. Si prospettano tempi difficili per il settore, ma non è qualcosa da cui fuggire. E’una situazione che dovrà essere accettata e gestita. E’ solo una questione di transizione delle sale nel corso del tempo".

Può essere difficile immaginarsi un futuro con sale più piccole e più intime, colonizzate da dispositivi che non hanno alcuna somiglianza o nesso con le slot machine di oggi. Un problema che gli operatori e i produttori devono scoprire .

"I giochi saranno diversi di sicuro", ha detto Klebanow . "Saranno più interattivi, e avranno un aspetto diverso. Probabilmente somiglieranno al mio maledetto telefono".