Nel primo semestre 2017 gli italiani hanno speso quasi 10 miliardi di euro in giochi

Nei primi sei mesi del 2017 la spesa complessiva degli italiani nei giochi è stata pari a circa 9,3 miliardi di euro, così ripartiti: 5 miliardi di euro sono finiti nelle casse dell’Erario e circa 4,3 miliardi sono toccati alla filiera. L’incidenza dell’Erario sulla Spesa è perciò superiore al 54%. In media ogni italiano maggiorenne nel primo semestre dell’anno ha speso 1 euro in giochi.

Le elaborazioni Agimeg sui dati dei Monopoli di Stato riportano che a fronte di una spesa complessiva di 9,3 miliardi di euro, ognuno degli oltre 50 milioni di italiani maggiorenni ha puntato 1 euro al giorno tra Lotto, Superenalotto, apparecchi da intrattenimento, lotterie, bingo e scommesse.

La leadership di Lombardia e Piemonte

La Lombardia ed il Piemonte guidano la classifica dei comuni con la spesa pro capite più alta per il gioco, nel periodo considerato. La spesa, ovvero la differenza tra quanto giocato e quanto vinto, è calcolata sul gioco “fisico”. Sono quindi escluse le giocate online non distribuibili sul territorio.

A livello regionale, è la Lombardia che nel primo semestre 2017, per il solo gioco fisico, risulta con la spesa più alta fra tutte le altre regioni italiane. Secondo i dati la spesa è stata pari a 1,69 miliardi di euro. Seguono il Lazio, con poco meno di 924 milioni di euro, e la Campania, con 891,2 milioni. Tra le prime cinque posizioni anche l’Emilia Romagna, con una spesa che supera di poco i 708 milioni di euro, seguita dal Veneto con 607,6 milioni. Le altre tre regioni con una spesa superiore al mezzo miliardo di euro sono il Piemonte, con 600 milioni, la Sicilia con 562,5 milioni e la Toscana con 537,5 milioni. A chiudere la Top10 delle regioni che hanno speso di più nel gioco, la Calabria con 229,5 milioni e la Valle d’Aosta, con una spesa di 16,1 milioni.

I comuni italiani con la spesa più alta nel primo semestre 2017

Le due regioni presentano 8 comuni nella top10 della classifica; il centro sud invece è presente con soli due comuni. Il dato dei comuni presenti nella lista è influenzato dall’elevata spesa su newslot e videolottery. Escludendo le giocate online, tra i comuni italiani con la spesa più alta nel primo semestre 2017, troviamo Roma con oltre 431 milioni di euro. Milano (con 252 milioni) e Torino (con 145 milioni), completano il podio. Il dato di Prato, presente nella Top10, è influenzato dall’alta spesa per newslot e videolottery, seguite in particolare dalla comunità cinese ben radicata sul suo territorio.