Gds Report Giugno 2019: analisi e dati dell'industria del gambling online in Europa

Maggio positivo per il settore del gioco online. La spesa netta è stata di 81,2 milioni di euro, in crescita del 17,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Si conferma, quindi, il trend positivo che ha visto tra gennaio 2019 e maggio 2019 una crescita media del 13,5% e una spesa netta complessiva che al momento ha raggiunto la soglia dei 406,3 milioni di euro. Il segmento dominante è quello dei giochi da casinò offerti dagli operatori AAMS, che ha totalizzato una spesa netta pari a 70 milioni di euro.

Dal punto di vista analitico, questi dati non sono ancora influenzati dall'applicazione del Decreto Dignità, legge che entrerà in vigore nel prossimo mese di agosto. Il divieto di pubblicità del gioco d'azzardo, calmierato dalle nuove linee Guida Agcom, avrà sicuramente un impatto sul fatturato di un segmento che non cessa di prosperare. Da valutare anche quali saranno gli effetti relativi all'introduzione della modalità cash out nel settore delle scommesse sportive, tematica che abbiamo affrontato nei giorni scorsi.

Intanto, il nuovo bando per le concessioni delle licenze di gioco ha visto l'esclusione di sette operatori da parte dell'AAMS, mentre quattro operatori sono stati ammessi con riserve. Tra gli esclusi eccellenti spicca il nome di Betclic Ltd. Ricordiamo, che oltre ai requisiti restrittivi previsti dal bando, l'AAMS ha stilato anche le nuove linee guida per ottenere la certificazione, fondamentali per la tutela dei consumatori e per la diffusione del Gioco Responsabile.

Passiamo adesso ad un'analisi delle notizie provenienti dagli altri paesi. Partiamo con l'Olanda. Il presidente dell'Autorità di gioco olandese (Ksa), René Jensen, ha affermato che la legge denominata Remote Gambling Act entrerà in vigore il 1* luglio 2020, data entro la quale dovranno essere presentate le richieste di autorizzazione da parte degli operatori di gioco interessati al mercato olandese. Il mercato del gioco d'azzardo online sarà aperto ufficialmente dal 1° gennaio 2021.

Continua la crescita anche del mercato spagnolo del gioco online, trascinato principalmente dalle scommesse sportive e dai casinò online. I dati ufficiali relativi al primo trimestre. parlano di un GGR trimestrale pari a 193,25 milioni di euro, +20,10% rispetto allo stesso semestre del 2018. Notizie positive arrivano anche dal numero di nuovi conti registrati sulle piattaforme DGOJ, cresciuto del 13,11% rispetto al primo trimestre del 2018.

Situazione analoga quelle vissuta dal mercato francese, trascinato dal segmento delle scommesse sportive. Nel primo trimestre 2019, secondo i dati ufficiali fornita dall'autorità francese del gioco Arjel, il betting è cresciuto del 51% rispetto allo stesso periodo del 2019, in calo il poker online, mentre lieve calo per l'attività delle scommesse ippiche. Il prodotto lordo di tutti i giochi combinati è aumentato del 27% e ha raggiunto quota 357 milioni di euro, crescono infine anche il numero di conti attivi che hanno superato il muro dei 2.2 milioni di euro.

Chiudiamo la rassegna con la stretta proibizionista che ha colpito Finlandia, Svezia e Russia.

Il governo finlandese ha annuncia una serie interventi di contrasto alla pubblicità del gioco d’azzardo illegale, "una situazione paradossale se rapportata a quanto sta accadendo in Italia". Traficam, l'agenzia per le comunicazioni della Finlandia, insieme alla polizia locale, intensificherà i controlli per escludere dall'offerta pubblicitaria sui media classici e tradizionali di tutti gli operatori di gioco illegali nel mercato finnico. L'operatore totale Veikkaus ha subito l'attacco di numerose società di gioco che operano in maniera illegale sul territorio finlandese, un attacco che ha portato al taglio di diversi posti di lavoro. I media che trasmetteranno pubblicità di operatori di gioco internazionali e non regolamentati in Finlandia, rischieranno la revoca della licenza di trasmissione della compagnia Veikkaus.

La Federal Antimonopoly Service (FAS) russa ha multato Google di 65mila dollari in quanto ritenuta colpevole di pubblicizzare società di gioco d'azzardo illegali mediante Adwords. La legislazione attuale prevede l'esclusione dai motori di ricerca di una serie di siti vietati inseriti dall'autorità russa in una blacklist. Già nel dicembre 2018, il Roskomnadzor (l'equivalente di AGCOM in Russia) aveva già multato il colosso dei motori di ricerca e bloccato oltre 3000 siti web.

Chiudiamo con la Svezia, dove l'autorità di gioco ha multato severamente AG Communications Limited e Genesis Global Limited, per aver violato la legge relativa ai bonus. La regolamentazione svedese prevede che gli utenti possono ottenere solo dei bonus di benvenuto al momento dell'iscrizione, mentre sono severamente vietati i bonus ricorrenti in quanto incrementerebbero i rischi del gioco patologico.