Più gioco responsabile e prevenzione, gli operatori inglesi rispondono al Parlamento

3 Sett 2019

Il gruppo parlamentare britannico, che si occupa di scommesse e giochi, ha invitato quattro delle maggiori imprese d’azzardo del Regno Unito ad un incontro in cui, alla fine, si è fatto il punto della situazione, arrivando alla conclusione che ci si può impegnare di più per il contrasto al gioco patologico.

Due ore e più per discutere di azzardo e di temi come responsabilità e prevenzione. Il tutto nella location del Parlamento britannico. A partecipare i dirigenti di Bet365, William Hill, SkyBet, Paddy Power-Betfair, operatori di gioco attivi anche nel mercato italiano, tutti concordi nell'ammettere che il gioco eccessivo rappresenta oggi, nel Regno Unito, un problema concreto.

La deputata Carolyn Harris, del partito laburista, capogruppo parlamentare del partito per i danni legati all'azzardo, ha proposto una serie di domande alle imprese sul modo di intervenire in materia di promozione del gioco responsabile. A farle da eco ci ha pensato Dan Taylor, proprietario di Paddy Power, Leovegas e Betfair, che ha riconosciuto come l’industria, rea di aver commesso molti errori, e conseguenti danni, in tempi più o meno recenti, debba fare di più e soprattutto di meglio.

Ian Proctor, amministratore delegato di Sky Bet, ha aggiunto: “Dobbiamo fare di meglio e riconosco, storicamente, che non l’abbiamo fatto spesso”.

John Coates, amministratore delegato di Bet365, ha dichiarato: “Lo confermo".

Kenny Alexander, un uomo che ha guadagnato oltre 60 milioni di sterline come capo di Ladbrokes Coral, invece, è stato aspramente criticato per aver disertato l’udienza. Le sue parole circa il gioco d’azzardo, visto dalla sua ottica come un non problema sociale per il Regno Unito, hanno creato delle polemiche tra l'opinione pubblica.

I numeri della ludopatia in Gran Bretagna secondo i dati degli operatori

In totale, a conti fatti, dopo il meeting dei giorni scorsi è stato dichiarato che in Gran Bretagna ci sarebbero, ad oggi, 340.000 giocatori patologici, una vera e propria piaga. Lo stesso Taylor ha fatto presente come, ogni mese, 70.000 consumatori di Betfair mostrino sintomi di dipendenza. Contestualmente Coates ha affermato come uno su 13 clienti di Bet365, azienda leader nel settore delle scommesse sportive, abbia dimostrato segni di dipendenza dal gioco d’azzardo. Un numero considerevole soprattutto se rapportato al tempo in considerazione, ovverosia l’ultimo anno solare. William Hill ha dichiarato che chiude i conti del 30% dei suoi clienti “VIP” – il titolo assegnato a coloro che perdono più denaro, ogni anno per motivi di gioco d’azzardo.

Per informazioni sulla Ludopatia in Italia vi invitiamo a leggere il nostro speciale sul Disordered Gambling

Vittorio Perrone

Giornalista pubblicista poliedrico. Si occupa per Giochidislots della redazione di articoli, report e infografiche sul settore del gioco legale italiano e internazionale. Collabora attivamente anche con il quotidiano online sportivo SpazioNapoli e il magazine Sportcafe24.com

30
Apr

Virtual Games, anche su StarCasinò sbarca la nuova frontiera del betting...

Nel 2021 il settore dei virtual games rischia di essere uno dei più produttivi per le piattaforme di betting. Ma cosa sono esattamente i Virtual Games? Si tratta della versione int...

Scritto da: Vittorio Perrone
16
Mar

Viaggio nel mondo delle VLT, l’alter ego delle slot machine...

Fino a qualche anno fa le Vlt (video lottery terminal) non erano molto diffuse in Italia. In seguito alla regolamentazione del segmento del gioco online nel dicembre 2012 (che le h...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
11
Dic

Usa, il settore del gambling è più grande dell'industria aerea...

Il settore dei giochi riveste un ruolo di primo piano per l’economia. Uno studio condotto dall’American Gaming Association, volto a studiare l’impatto del settore sull’economia deg...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
12
Genn

Un anno di gambling al di fuori delle Alpi. I fatti più importanti del 2015...

Diamo uno sguardo all’anno appena trascorso e andiamo a vedere quali sono le vicende più interessanti che hanno caratterizzato il mercato del gambling europeo e asiatico. Da Londra...

Scritto da: Gennaro Donnarumma