Dal 6 agosto il Green Pass sarà obbligatorio: valido anche per l’accesso a sale slot e scommesse

Ultimo Aggiornamento 25 ott 2021
Dal 6 agosto il Green Pass sarà obbligatorio: valido anche per l’accesso a sale slot e scommesse

L’Italia si sta preparando ad adottare nuove misure per il contenimento del Covid-19, che permetteranno di scongiurare le chiusure serrate degli scorsi mesi. A tal proposito venne istituito il Green Pass, un certificato introdotto nello scorso aprile, allo scopo di dimostrare l’avvenuta vaccinazione, guarigione e/o tampone con esito negativo.

Il premier Mario Draghi nel corso della conferenza stampa a conclusione dell’ultimo Consiglio dei Ministri ha definito lo stesso Green Pass “una condizione necessaria per mantenere aperte le attività”. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha poi aggiunto: “Si tratta di strumento con cui gli italiani hanno a che fare da diverse settimane. Ad oggi 44 milioni di italiani hanno il passaporto vaccinale, già oggi noi abbiamo utilizzato questo strumento per situazioni particolari. Oggi l’utilizzo viene esteso: servizi di ristorazione al tavolo al chiuso, eventi e competizioni sportive, i centri sociali, sale gioco e sale scommesse e casinò. Il messaggio che vogliamo dare è questo: evitare che il contagio porti a chiusure generalizzate”.

Dal prossimo 6 agosto il Green Pass diventerà obbligatorio, questo è quanto emerso nella bozza del decreto che verrà pubblicato a breve. La certificazione verrà rilasciata a tutti i cittadini dai 12 anni in su, che avranno ricevuto almeno una dose di vaccino. Il certificato avrà una validità di 9 mesi. Il Green Pass sarà indispensabile per poter accedere ai ristoranti al chiuso e in tutti i locali dove si consuma ai tavoli; non sarà invece necessario all’aperto e per le consumazioni al bancone. Via libera, con Green Pass al seguito, anche per le attività del tempo libero e dunque spettacoli aperti al pubblico, musei, parchi divertimento, piscine, palestre, cinema, sale gioco, sale scommesse, casinò.

Il mancato utilizzo e/o controllo del Green Pass potrà risultare in pesanti multe per clienti ed esercenti fino alla chiusura del locale: ‘I titolari o i gestori dei servizi e delle attività sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. In caso di violazione potrà essere somministrata una sanzione da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni’.

La bozza contenente queste nuove disposizioni è stata sottoposta alle Regioni ed è stata approvata dal Consiglio dei Ministri giovedì sera. Entrerà in vigore a partire dal prossimo 6 agosto.

Green Pass nelle sale da gioco italiane

Il Green Pass rappresenta uno strumento indispensabile per contrastare la diffusione del covid-19 all’interno delle sala da gioco italiane. Come dimostrano i dati resi nota dall’esperto Oriol Mitja a margine di una recente intervista rilasciata a ElNacional.cat, “Una persona vaccinata con le due dosi riduce di cinque volte la possibilità di essere infettata e riduce di quattro volte la possibilità di essere infettata da un'altra persona. Pertanto, si riduce la possibilità di essere contagiosi così tanto che si può rinunciare un po' alle misure restrittive, anche se non si raggiunge il rischio zero”. Pertanto, il filtro esercito dal Green Pass in luoghi chiusi ridurrebbe al minimo le possibilità di contagio tra i giocatori.

Natalia Chiaravalloti

Ruolo: Senior Content Manager
Esperienza: 6+
Specializzazione: Recensioni casinò e news

Esperta nei processi formativi e copywriter specializzata nel settore dei giochi online. Collabora con diversi brand del gambling nella creazione di articoli e recensioni sui migliori operatori di gioco italiani e spagnoli, oltre che ad essere Head Writer di Giochi di Slots.