Intervista esclusiva con World Match: "Non puntiamo ai giocatori, ma alle persone"

26 Luglio 2022

Giochi di Slots ha incontrato Gabriele De Lorenzi, Director e Product Manager di World Match e Silvia Gusella, Art Director della nota software house. Tra i tanti temi trattati a margine dell'intervista, spiccano il processo di selezione di nuovi profili, gli studi finalizzati alla conoscenza degli utenti e alla programmazione delle slot online, oltre all'iter per il lancio di un gioco sul mercato e le misure da adottare per un gioco responsabile e sicuro.

Cosa rende World Match diversa dalle altre software house?

Silvia: La nostra mission si basa sulla passione e su ciò che vogliamo comunicare. Proviamo sempre a progettare temi che siano fuori dall'ordinario e che possano piacere ai giocatori. Effettuiamo molte ricerche di mercato e studiamo approfonditamente i clienti per rispondere al meglio alle loro esigenze.

Gabriele: Quello che facciamo in World Match è creare giochi che siano divertenti e stimolanti prima di tutto per noi. Mescoliamo passione e competenze, cercando di creare giochi che si distinguono dalla massa.

Come vorreste essere riconosciuti dai giocatori di slot di tutto il mondo?

Silvia: Siamo un'azienda creativa e innovativa, e siamo riconosciuti a livello mondiale perché creiamo giochi in maniera estremamente seria. Siamo leader nel settore da 20 anni e abbiamo creato giochi sicuri che riflettono la sensibilità dei giocatori. Facciamo sul serio.

Quali sono i vostri titoli di maggior successo? E c'è qualcosa che potete anticiparci sulle prossime uscite?

SlotBar è il nostro prodotto di maggior successo. SlotBar è il brand che identifica i giochi online nati dalla partnership tra WorldMatch e i più importanti produttori di giochi AWP e VLT per il mercato italiano. Ogni giocatore può divertirsi selezionando il dispositivo che preferisce, con la consapevolezza che troverà sempre lo stesso look audiovisuale e la stessa sensazione delle versioni terrestri originali. Tra le nostre slot più popolari continuano a regnare Banana King e Book of Pharaon, mentre nuovi titoli come Jungle Olympics, Lady Sheriff, Pussycats' Valley sembrano promettere bene e garantire un'ottima fidelizzazione degli utenti.

Oltre alle slot online, c'è qualche altro prodotto su cui vi state concentrando in questo momento e quali sono le previsioni per il futuro?

Silvia: Sappiamo che il mercato è ormai saturo di slot. Noi cerchiamo di continuare a produrle, differenziandole per tematiche e caratteristiche e provando a rendere i giochi più coinvolgenti e interessanti. Il nostro reparto dedicato allo sviluppo giochi ha già creato nuove tipologie che fanno riferimento a prodotti istantanei per avvicinare gli scommettitori all'utilizzo dei nostri titoli tra una giocata e l'altra. Abbiamo creato un nuovo prodotto, molto speciale e mai visto prima sul mercato, che verrà rilasciato a breve.

Come selezionate i profili e quali sono le caratteristiche che cercate in sviluppatori e programmatori?

Gabriele: Quando valutiamo una candidatura cerchiamo passione, nuove idee, serietà e ottimismo. Capacità di lavorare in team, competenza ovviamente e l'ambizione, ovvero la voglia di crescere.

Quanto è importante lo storytelling nello sviluppo di una slot machine online?

Silvia: Molto. Differenzia un gioco dall'altro. Noi stiamo cercando di offrire una grafica sempre più sofisticata, con simboli sempre più distintivi e sofisticati. Ogni slot ha anche una sua storia, dove la grafica e le funzionalità sono legate alla narrazione stessa. C'è una continua ricerca sul prodotto e un'attenzione particolare anche all'interfaccia mobile e desktop che deve essere user friendly e d’immediata comprensione.

Qual è il vostro target ideale? Semplicemente tutti i giocatori online di casinò o create il vostro gioco in base a uno specifico target?

Gabriele: Abbiamo diversi tipi di giocatori. Non sviluppiamo solo slot e quindi il nostro target non sono solo i giocatori di slot. Il nostro obiettivo è l'intrattenimento. Non puntiamo ai giocatori, ma alle persone.

Quanto tempo ci vuole in media per lanciare un gioco sul mercato e qual è il processo che ne determina l'approvazione?

Silvia: In primo luogo identifichiamo il concept e definiamo gli elementi caratteristici della slot. Poi la perfezioniamo e la finalizziamo. Infine, certifichiamo il gioco e lo rilasciamo sul mercato. Il processo dura alcuni mesi ed è pianificato annualmente.

Oltre alle certificazioni, quali sono le misure da adottare in futuro per un gioco responsabile e sicuro?

Gabriele: Regolamentare sempre di più i mercati, dando informazioni più chiare sui rischi.

Natalia Chiaravalloti

Natalia Chiaravalloti: esperta nei processi formativi e copywriter specializzata nel settore dei giochi online. Collabora con diversi brand del gambling nella creazione di articoli e recensioni sui migliori operatori di gioco italiani e spagnoli, oltre che ad essere Head Writer di Giochi di Slots.

30
Apr

Virtual Games, anche su StarCasinò sbarca la nuova frontiera del betting...

Nel 2021 il settore dei virtual games rischia di essere uno dei più produttivi per le piattaforme di betting. Ma cosa sono esattamente i Virtual Games? Si tratta della versione int...

Scritto da: Vittorio Perrone
11
Dic

Usa, il settore del gambling è più grande dell'industria aerea...

Il settore dei giochi riveste un ruolo di primo piano per l’economia. Uno studio condotto dall’American Gaming Association, volto a studiare l’impatto del settore sull’economia deg...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
26
Apr

Tutte le novità in materia di giochi contenute nella Manovra-bis del govern...

Il decreto legge “Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per ...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
12
Genn

Un anno di gambling al di fuori delle Alpi. I fatti più importanti del 2015...

Diamo uno sguardo all’anno appena trascorso e andiamo a vedere quali sono le vicende più interessanti che hanno caratterizzato il mercato del gambling europeo e asiatico. Da Londra...

Scritto da: Gennaro Donnarumma