La crisi, la pandemia, infine il riordino: spiragli dopo le tempeste per il gioco pubblico?

La crisi, la pandemia, infine il riordino: spiragli dopo le tempeste per il gioco pubblico?

10 Dic 2020

Una crisi sanitaria mondiale, ci voleva questo per il 2020 e per il mondo del gioco pubblico italiano. Unico motivo che difatti ha fatto parlare quantomeno di riordino e riorganizzazione del settore. Provocando una tardiva presa di coscienza da parte della politica, non ultima di quella politica che è impegnata a lavorare all’interno del settore.

Una riforma generale del mondo del gioco italiano si chiede a gran voce, con urgenza e pressante necessità, ormai da anni.

L’emergenza Covid-19 ha portato solo alla luce tanti punti oscuri, finalmente, agli occhi del legislatore e delle istituzioni. Anomalie, criticità, assurdità, tutte tipicità di un paese distopico come l’Italia, sono state per anni ignorate. Anche l’influsso e l’influenza del crimine e dell’evasione fiscale hanno fatto poco rumore, fino a quando tutti questi tempi non sono esplosi compromettendo qualsiasi tipo di equilibrio in Italia: economico, certo, ma anche etico, politico e sociale.

Nell’Italia post Coronavirus il gioco sembra trovare spazio al punto che il tema è tornato centrale in ogni territorio: in quelli più “calmi” ed in quelli più “ostili”, come l’Abruzzo ed il Piemonte. Proprio nei territori in cui il gioco è visto con più ostilità si è giunti alla comprensione totale delle difficoltà di una situazione ormai insostenibile e del danno, anche economico-lavorativo, provocato alle aziende, alle imprese e ai lavoratori.

Sembra così che il momento della guerra, praticamente continua, sia cessato in nome di un momento di pace ritenuto, dalle istituzioni finalmente, necessario.

Ma la notizia più importante di tutte viene dal livello centrale: qui il gioco comincia ad essere trattato “quasi” come se fosse pari ad altri settori. Qualche pregiudizio pure sopravvive, anche qualche dietrologia in nome dell’etica e del buonsenso: in questo senso, unico, si spiega la chiusura dei locali di gioco senza alcuna valutazione scientifica. Ma in senso positivo c’è da accogliere l’ingresso del settore gioco tra quelli beneficiari dei ristori scelti dall’Esecutivo.

Più in generale il gioco pubblico è oggetto di trattazione più ampia da parte di governo e Parlamento, che mirano alla sua ricostruzione e riorganizzazione all’indomani della pandemia. Da qui nasce la proposta del regolatore e del governo di slittamento delle gare per il rinnovo delle concessioni per i prossimi 24 mesi, il tempo del riordino e di risolvere la spinosa “questione territoriale”. Il tutto proprio “grazie” alla pandemia, che ha portato anche i più intransigenti a guardare al gioco in maniera meno rigida, schematica e stereotipata. I tempi, ora, sono maturi.

matteo Logo

Vittorio Perrone

Giornalista pubblicista poliedrico. Si occupa per Giochidislots della redazione di articoli, report e infografiche sul settore del gioco legale italiano e internazionale. Collabora attivamente anche con il quotidiano online sportivo SpazioNapoli e il magazine Sportcafe24.com

30
Apr

Virtual Games, anche su StarCasinò sbarca la nuova frontiera del betting...

Nel 2021 il settore dei virtual games rischia di essere uno dei più produttivi per le piattaforme di betting. Ma cosa sono esattamente i Virtual Games? Si tratta della versione int...

Scritto da: Vittorio Perrone
16
Mar

Viaggio nel mondo delle VLT, l’alter ego delle slot machine...

Fino a qualche anno fa le Vlt (video lottery terminal) non erano molto diffuse in Italia. In seguito alla regolamentazione del segmento del gioco online nel dicembre 2012 (che le h...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
11
Dic

Usa, il settore del gambling è più grande dell'industria aerea...

Il settore dei giochi riveste un ruolo di primo piano per l’economia. Uno studio condotto dall’American Gaming Association, volto a studiare l’impatto del settore sull’economia deg...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
12
Genn

Un anno di gambling al di fuori delle Alpi. I fatti più importanti del 2015...

Diamo uno sguardo all’anno appena trascorso e andiamo a vedere quali sono le vicende più interessanti che hanno caratterizzato il mercato del gambling europeo e asiatico. Da Londra...

Scritto da: Gennaro Donnarumma