Norme sull'azzardo, ecco come il Regno Unito studia (e non proibisce) il gioco

Norme sull'azzardo, ecco come il Regno Unito studia (e non proibisce) il gioco

3 Giugno 2020

Da una serie di statistiche sull'esposizione dei bambini alle pubblicità di gambling sono state studiate delle misure di contrasto. Ecco i dati.

Per sapere in che modo si sta evolvendo il mondo del gambling, soprattutto dal punto di vista normativo, occorre guardarsi in maniera continua intorno e scovare dei possibili modelli di riferimento.

Ecco perché è importante capire cosa sta succedendo nel Regno Unito, paese in crisi a livello di fatturato ma che sta andando incontro a molte novità, soprattutto per quanto riguarda le norme pubblicitarie. Arrivano infatti nuove restrizioni per quanto riguarda la pianificazione in un’ottica di riduzione dell’esposizione dei minori di 18 anni agli annunci sensibili (alcool e gioco d’azzardo in primis), provvedimenti che vengono adottati anche in altri paesi come Italia e Spagna.

Il fenomeno del gambling è molto controllato nella “perfida Albione”, con le autorità competenti che non si limitano a una azione di monitoraggio e alla semplice introduzione di divieti come invece avviene in Italia. A controllare il settore è l'ASA, la Advertising Standards Authority, che ha recentemente pubblicato una serie di dati del sondaggio per il 2019 sull'esposizione alle pubblicità d’azzardo dei bambini, di giovani e delle persone vulnerabili.

I numeri parlano chiaro e mettono in luce una diminuzione della visione televisiva da parte dei bambini, con dei risultati che suggeriscono come l’esposizione alla pubblicità del gioco d’azzardo in tv, per gli under18, sia tornata ai minimi registrati nel 2008, quando per la prima volta si era iniziato a registrare dati di questo tipo.

Scandagliando tra le statistiche si legge inoltre che nel 2019 i bambini hanno vista una media di 2 annunci e mezzo a settimana, in televisione, che avevano con argomento il gioco d’azzardo (la media nel 2008 era di 2.2 annunci, saliti a 2.7 nel 2009). Il picco, in questo senso, si era toccato nel 2013, con una media di addirittura 4.4 annunci a settimana. C’è da dire anche un’altra cosa: le pubblicità che parlavano di gambling erano meno del 2% rispetto al totale degli annunci tv che i bambini vedevano, numero aumentato al 2.2% del 2018 e tornato a scendere nel 2019 (2.1%).

L'ASA, alla luce di questi dati, ha sottolineato come i bambini siano maggiormente colpiti dalla pubblicità online, specie quella on demand e sui social, e per questo ha iniziato a sviluppare una serie di tecnologie per monitorare in maniera attiva l’esposizione della popolazione più giovane alla pubblicità online.

È questa la mossa vincente che deve essere esportata in tutto il continente: studiare il fenomeno, analizzarlo e sviluppare, in base a questi dati, delle misure di contrasto, di prevenzione e di monitoraggio. In maniera da tutelare gli utenti in maniera più efficace e soprattutto sicura.

Leggi anche: Come giocare responsabilmente ai casinò online: il vademecum di Avviso Pubblico

matteo Logo

Vittorio Perrone

Giornalista pubblicista poliedrico. Si occupa per Giochidislots della redazione di articoli, report e infografiche sul settore del gioco legale italiano e internazionale. Collabora attivamente anche con il quotidiano online sportivo SpazioNapoli e il magazine Sportcafe24.com

30
Apr

Virtual Games, anche su StarCasinò sbarca la nuova frontiera del betting...

Nel 2021 il settore dei virtual games rischia di essere uno dei più produttivi per le piattaforme di betting. Ma cosa sono esattamente i Virtual Games? Si tratta della versione int...

Scritto da: Vittorio Perrone
16
Mar

Viaggio nel mondo delle VLT, l’alter ego delle slot machine...

Fino a qualche anno fa le Vlt (video lottery terminal) non erano molto diffuse in Italia. In seguito alla regolamentazione del segmento del gioco online nel dicembre 2012 (che le h...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
11
Dic

Usa, il settore del gambling è più grande dell'industria aerea...

Il settore dei giochi riveste un ruolo di primo piano per l’economia. Uno studio condotto dall’American Gaming Association, volto a studiare l’impatto del settore sull’economia deg...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
12
Genn

Un anno di gambling al di fuori delle Alpi. I fatti più importanti del 2015...

Diamo uno sguardo all’anno appena trascorso e andiamo a vedere quali sono le vicende più interessanti che hanno caratterizzato il mercato del gambling europeo e asiatico. Da Londra...

Scritto da: Gennaro Donnarumma