Il settore dei giochi e il nuovo contratto di governo

2 Giugno 2018

Dobbiamo offrire risposte concrete ai cittadini. Tutti noi dobbiamo essere spinti a un supplemento di responsabilità.Occorre pensare ad una serie di misure per contrastare il fenomeno della dipendenza"

È quanto ha affermato in Senato il premier Giuseppe Conte, che, illustrando gli obiettivi contenuti nel contratto di governo tra M5S e Lega, si è soffermato sul capitolo dedicato al gioco pubblico ribadendo la necessità di adottare misure che possano contrastare le problematiche legate alla dipendenza dal gioco, tra cui rientrano diversi provvedimenti:

  1. il divieto assoluto di pubblicità e sponsorizzazioni;
  2. la trasparenza finanziaria per le società dell'azzardo;
  3. la strategia d’uscita dal machines gambling (slot machines, videolottery) e forti limitazioni alle forme di azzardo con puntate ripetute;
  4. obbligo all'utilizzo di una tessera personale per prevenire l'azzardo minorile;
  5. imposizione di limiti di spesa;
  6. tracciabilità dei flussi di denaro per contrastare l’evasione fiscale e le infiltrazioni mafiose, sia per le sale da gioco che per i casinò online AAMS.

Inoltre, per una migliore regolamentazione del fenomeno, si prevede il rilascio dell'autorizzazione all’installazione delle slot machine e Vlt solo in luoghi ben definiti la limitazione negli orari di gioco e l'aumento della distanza minima dai luoghi sensibili, come scuole e centri di aggregazione giovanile.

Le reazioni alle disposizione sui giochi contenute nel contratto di governo Lega-M5S

Sulla questione si è espresso il senatore di Fibp Lucio Malan che ha analizzato l'impatto delle disposizioni sui giochi contenute nel contratto Lega-M5S.

"Le numerose limitazioni proposte sull'azzardo potranno forse avere effetti nel combattere la ludopatia, ma non potranno che ridurre la raccolta dei giochi, almeno del 10 percento. Dunque, lo stesso accadrà con gli introiti fiscali, attualmente a 10 miliardi annui", ha affermato Malan.

Intanto alla Camera sono state presentate due proposte di legge sul gioco. La prima, a firma Stefania Pezzopane del Pd intitolata "Disposizioni in materia di gioco d’azzardo, per la trasparenza e il controllo del mercato dei giochi, la prevenzione e il contrasto delle ludopatie" e la seconda proposta a firma Silvana Comaroli della Lega "Modifica al testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, in materia di divieto di pubblicità di giochi con vincite in denaro".

Gennaro Donnarumma

Da molti anni mi occupo di tutto quanto ruota intorno al settore del gambling. Analizzo attentamente tutti le slot prima di recensirle, e cerco di scoprire tutti i segreti tecnologici di software house e operatori di gioco.

30
Apr

Virtual Games, anche su StarCasinò sbarca la nuova frontiera del betting...

Nel 2021 il settore dei virtual games rischia di essere uno dei più produttivi per le piattaforme di betting. Ma cosa sono esattamente i Virtual Games? Si tratta della versione int...

Scritto da: Vittorio Perrone
16
Mar

Viaggio nel mondo delle VLT, l’alter ego delle slot machine...

Fino a qualche anno fa le Vlt (video lottery terminal) non erano molto diffuse in Italia. In seguito alla regolamentazione del segmento del gioco online nel dicembre 2012 (che le h...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
11
Dic

Usa, il settore del gambling è più grande dell'industria aerea...

Il settore dei giochi riveste un ruolo di primo piano per l’economia. Uno studio condotto dall’American Gaming Association, volto a studiare l’impatto del settore sull’economia deg...

Scritto da: Gennaro Donnarumma
12
Genn

Un anno di gambling al di fuori delle Alpi. I fatti più importanti del 2015...

Diamo uno sguardo all’anno appena trascorso e andiamo a vedere quali sono le vicende più interessanti che hanno caratterizzato il mercato del gambling europeo e asiatico. Da Londra...

Scritto da: Gennaro Donnarumma