Gioco legale, il lockdown ha bruciato il 50% dell'entrate in Italia

data di creazione: nov 05
Scritto da Gennaro Donnarumma

Minenna (ADM): “Lockdown, che disastro. Ora con la Legge di Bilancio si riscrive la disciplina del gioco pubblico”

Marcello Minenna, numero uno dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, torna a parlare e lo fa in una bella intervista a "Italia Oggi". Tema principale, inutile sottolinearlo, gli effetti del lockdown sul settore giochi.

Effetti disastrosi e devastanti, da un certo punto di vista, ma comunque importanti anche per saggiare la tenuta dell’intera industria e dell’ente regolatore, l’Agenzia stessa che, come sottolinea Minenna “ha adottato le determinazioni di propria competenza, in coerenza coi provvedimenti governativi, nella gestione di un momento delicato”. Nonostante gli sforzi profusi, il lockdown ha imposto un blocco prolungato, di circa cento giorni, per tutto il settore del gioco pubblico. Le conseguenze, sottolinea ancora Minenna, sono state ovvie, soprattutto sul fronte delle entrate.

Lo si capisce dalle cifre, in calo sensibile e pari a più del 50% del totale. Ma non tutte le crisi spazzano via le opportunità. C’è una partita ancora aperta, come per esempio sulla lotteria degli scontrini. A questo proposito il presidente dell’ADM non ha dubbi: “La Lotteria partirà, dopo tutti gli step messi in atto a garanzia della funzionalità, in linea con le politiche che l’hanno decisa”.

Nell’intervista tanto spazio a vari argomenti, su tutti quello più sentito, il controllo anonimo sulle piattaforme online. Minenna ha ribadito l’attività costante dell’ADM schierata in prima linea contro ogni tipo di frode, comprese quelle transfrontaliere, per contrastare le quali si sta implementando i database a disposizione dell’agenzia. Tema affrontato anche dal sottosegretario al MEF Baretta durante la tavola rotonda "Il gioco buono: un alleato contro l’illegalità".

L’Agenzia ha chiesto allo Stato di poter effettuare attività ispettive in incognito, anche sul fronte del commercio online di farmaci e materiale sanitario. Mentre invece, tra le novità di maggior rilievo in arrivo con la nuova legge di Bilancio, vi sono ancora i più grandi dubbi. Una domanda alla quale Minenna non risponde, dal momento che le proposte sul tavolo al momento sono tante e tutte ugualmente valide. La principale riguarda soprattutto la regolamentazione degli operatori del tax refund, l’estensione della disciplina dei tabacchi lavorati anche ai liquidi da inalazione, con annessa delega per riscrivere la disciplina del gioco pubblico.

Il direttore generale ADM ha poi, in conclusione, sottolineato che il testo unico delle leggi doganali è in fase di riscrittura, un lavoro giudicato importante e soprattutto necessario per garantire coerenza alla normativa domestica, con la regolamentazione unionale, immediatamente applicabile.